Ciao Raùl, ti scrive una tifosa incazzata

Raùl

Ciao Raùl,

ti scrive una persona che non conoscerai mai ma è incazzatissima.

E così hai deciso di continuare, che andrai a vivere a New York, che giocherai nei Cosmos. Oh bene, non mi interessa sapere quanto ti hanno accordato d’ingaggio perchè ripeto: sono incazzatissima. Sono quattro lustri che vorrei vederti giocare in Serie A ma se nemmeno all’età di 37 anni scegli l’Italia, vuol dire che proprio non siamo stati capaci a conquistarti. Nemmeno alla soglia della pensione, nemmeno dentro questo calcio dove Cristiano Ronaldo, così diverso da te, è il calciatore perfetto di quest’epoca. Io sono quella che preferisce i Robben, gli Zidane prima o i Del Piero. Io sono quella che non ti cambierebbe mai con un portoghese, neanche se è il migliore al mondo.

Raùl sei temporalmente avulso dalla Spagna pre Usa ’94 e post Usa ’94.

Dicono che il movimento spagnolo sia cambiato in quel momento, dopo lo shock, dopo Italia-Spagna ai Mondiali, dopo quella sconfitta che pare sia stata peggiore della gomitata a sangue di Tassotti. Sì, lo so che tu non c’eri, ma per me è come ci fossi stato.

Tu ci sei sempre stato perchè segnavi. Non eri altissimo e col fisico da culturista, non facevi cento metri in meno di dieci secondi ma c’eri perchè la palla dentro la rete ce la buttavi, mentre nel mondo c’erano pure le risate registrate quando si parlava di attacco spagnolo. I tuoi compagni? Macchè quelli non c’erano mai perchè non segnavano, erano freddi e aridi davanti alla porta. Tu invece avevi gli occhi che si facevano fessure, il naso di un rapace ed eri cattivo dentro e vincente fuori.

Il Real è religione ma gli Dei ci sono da prima e tu ci sei sempre stato. Prima. Prima della Siemens, della Gazprom, prima dell’Adidas e per me rimarrai sempre il ragazzino non con le tre strisce sulle spalle ma quello con le zampette della Kelme e con lo sponsor Teka degli elettrodomestici tedeschi da cucina. Un collage che a pensarci adesso non c’entrava niente e fa quasi ridere come la capacità di segnare di Morientes.

Tu Raùl ci sei sempre stato, sopra la linea temporale e generazionale. E io sono incazzatissima perchè nemmeno stavolta ti è venuto in mente o hai pensato alla Serie A.

Me ne farò una ragione, ripiegherò la testa come fa il 7 che hai sempre portato sulla maglia, però la schiena come lui non la tendo, perchè ci sarai sempre, anche nei Cosmos, anche a New York.

Ronaldo e Gesù Cristo, la bulimia, il ginocchio dopato, l’incompreso da Ganz

Campionato del Mondo Germania 2006  Brasile - Ghana

La generazione dei tornelli, dei primi numeri personalizzati di maglia, degli ultimi colpi stellari del calciomercato in serie A, ricorderà un solo Ronaldo. E non si tratta certo di un Cristiano: quello è troppo perfetto, statuario, senza cicatrici e i capelli pietrificati dal gel. Luis Nazario da Lima è più vicino alla fragilità umana, ma lontano dal simbolo Pelè. Il ragazzo povero, dai calci al pallone sulla pietra e il cemento che diventa ricco, famoso, il migliore e poi piega in basso nella sua discesa, dimostrando prima di saper superare crisi epilettiche, tendini a pezzi, un sistema nervoso fragile, un fisico pesante, la bulimia.
La fame di tutto ha segnato la vita di Ronaldo e lo sta facendo ancora: cibo, donne, soldi – tanti – esagerazioni, la vita sul filo del rasoio, perchè “Non mi è stato mai permesso di vivere una vita normale” ha sempre detto. Niente della sua carriera calcistica è stato ordinario, soprattutto se ti chiamano subito “Fenomeno” e la Pirelli ti apre le braccia come Cristo. Il calcio è religione, più spesso blasfemia. Lo scrittore catalano Manuel Vazquez Montàlban lo ha amato più di qualsiasi altra persona (al pari di Massimo Moratti) e di lui ha condensato un ritratto memorabile: “E’ un pugile col colpo del ko facile ma con i piedi di Fred Astaire”. Con i guantoni ha fatto forse a botte con le sue paure, come ballerino i vari carnevali dimostrano che non se la cava un gran che. Il pallone: il pallone sì, è stato tutto.
“Paura del buio” di Enzo Palladini, è una biografia non autorizzata del calciatore, nel quale non viene omesso niente che non si possa sapere di Ronaldo, dentro c’è anche l’amore – neppure troppo tra le righe – del giornalista per un giocatore compiuto al 70% al quale questo, l’autore rimprovera, più di qualsiasi altra scelleratezza, anche se ne è la conseguenza.

Il ginocchio e l’ombra doping – Il dolore inizia nella seconda stagione al Psv. La genesi di quella che sarà una croce, inizia con un chiodo in terra olandese, nel 1995. Rapidi furono l’aumento di chili e centimetri, magari troppo e allora il sospetto. Bernardino Santi, coordinatore della struttura antidoping della federazione calcio brasiliana, non ha dubbi quando rilascia un’intervista nel 2008 a al quotidiano “Folha de Sao Paolo”: “In Olanda hanno somministrato anabolizzanti a Ronaldo (…). Ho parlato con colleghi olandesi e con persone che lavorano intorno al Psv, anche se non direttamente con i medici del club. Somministravano alcuni integratori vitaminici a Ronaldo, ma tra questi c’erano anche anabolizzanti che potrebbero averlo fatto crescere più di quanto la natura avesse previsto. I suoi infortuni successivi sono stati la conseguenza di una crescita muscolare eccessiva”. Le dichiarazioni di Santi fecero scalpore e la stessa Federazione brasiliana lo attaccò duramente. Il dubbio legittimo, aveva i contorni di un’ipotesi veritiera ma si doveva soprassedere.

Lo slogan della Nike censurato – Nell’ottobre del ’96 il Barcellona umiliò il Compostela per 5 a 1 con doppietta di Ronaldo. Uno di quei gol è nella storia e sempre lo sarà per la sua bellezza, visto e rivisto più volte al rallentatore e montato in varie versioni su you tube. Lo sponsor americano decise di comprare i diritti della partita e di regalargli uno slogan religioso: “Immagina di chiedere a Dio di diventare il più forte calciatore del mondo… E Dio ti ascolta”. Di quella pubblicità non se ne fece niente, con l’opposizione degli avvocati del Compostela che parlarono di immagini prive di consenso e umiliazione pubblica degli avversari.

Paura del buio – Nel 2000 una giornalista della rivista “Veja” riuscì a strappare a Ronaldo un’intervista interessante.
– Ha paura di qualcosa?
– Non ho paura di niente
– Di niente?
– Solo del buio
– Dorme con la luce accesa?
– Completamente accesa
– Ma di cosa ha paura? Dei ladri?
– No, di cose che fanno parte della mia immaginazione.

Ganz non capisce – Il corteggiamento costante di Massimo Moratti, ha epilogo felice nel 1997. E l’arrivo di Ronaldo il Fenomeno, qualche malumore lo creò. Il più amareggiato dall’arrivo di un concorrente, fu Maurizio Ganz che durante il ritiro sbottò: “Non capisco perchè abbiano preso un altro attaccante, visto che eravamo già in tanti”. La Serie A era ancora un campionato serio e di Ronaldo ci si poteva ancora permettere il discorso fritto del “Dovrà conquistarsi il posto in squadra, nessuno ce l’ha per diritto divino”. Esterofili sì, ma prima d’incensare…

Profumo di Beckham – In una partita di Champions del 2003, il Real battè il Manchester per 3 a 1. Ronaldo e il giocatore inglese si scambiarono la maglia: fu il primo gesto di una lunga serie a costruzione di una futura amicizia. “Volete sapere una cosa? – disse il brasiliano nel post gara – Alla fine della partita la maglia di David non puzzava di sudore, anzi era profumata. Questa è classe”.

Amabili resti – Palladini, chiude così la biografia: “(…) Negli occhi di chi l’ha visto giocare dal vivo, resteranno accelerazioni che non si erano mai viste prima e che non si vedranno più. Resterà il ricordo di un numero 9 che per una beffa del destino ha giocato due delle sue migliori stagioni con il 10 (primo anno all’Inter) e l’11 (primo anno al Real e unico campionato nazionale vinto), resterà il soprannome di Ronaldo Fenomeno che nessun Cristiano potrà mai usurpare. Lo aspettano anni di ricordi e di agiatezza, forse un giorno spiegherà almeno a se stesso perchè non ha voluto diventare il più grande di tutti. Paura del buio, ma forse anche della luce”.

Quando è Cassano a dare lezioni a Cristiano Ronaldo

Fa due gol al Granada e riesce lo stesso a far infuriare Mourinho (sai che novità…). Cristiano Ronaldo, si presenta poi nel post gara con una maschera di sofferenza, vera manna per le telecamere. Il portoghese realizza una doppietta, non esulta e nell’aria c’è già odore di “caso” con una spruzzatina di aria fritta. “Non ho esultato perché sono triste – ha dichiarato l’attaccante – Il club sa perché. E’ una questione professionale, vediamo quanto durerà”.
S’è scatenato il putiferio di voci, indiscrezioni, telefoni bollenti, le parole di quelli che “io lo conosco, io so”. E allora: Ronaldo è geloso del premio a Iniesta, non regge più il confronto con Messi, non va d’accordo con i compagni di squadra, non gli bastano 33mila euro al giorno, è un adolescente con i capelli gelatinati, è un bambino che non sa stare alle regole.
Alimentare il “caso” è sempre bello, anche perchè nell’apparenza blanca delle merengue, qualche tinta giallo-mistero ridà fiato a Mourinho, al calciomercato triste, a Kakà che il Milan non si poteva permettere.
E’ difficile quando stai in Paradiso e non ti manca niente, far sapere al tuo Dio che lo vuoi lasciare. Non per soldi, perchè paradossalmente diventa difficile farsi etichettare ancora come mercenario se guadagni già 12 milioni all’anno e te ne vuoi andare per guadagnarne altrove 18. E allora si mette in ballo la tristezza, la frustrazione, il malumore, in certi casi si parla addirittura di depressione. Molto più semplicemente, i giornali e il web potrebbero titolare il “caso” semplicemente con “mancanza di stimoli” ma sai poi che felicità a chiudere la questione con l’ipotesi più intelligente ma così fredda e così esauriente?
Ronaldo non è triste, non è depresso, non ha niente. Vuole solo lasciare il Real per andare altrove, non necessariamente per guadagnare quanto già intasca. Per farlo serve di montare la panna, il giallo, la malinconia, la costruzione di un rimpianto se non si realizza un sogno.
Antonio Cassano su questo metodo ci messo in piedi gli ultimi anni della sua carriera. Le “cassanate” non sono altro che scorciatoie per lasciare il club di appartenenza e accasarsi altrove. Solo per ricordare le ultime stagioni, il barese lo ha fatto alla Sampdoria insultando il presidente per andare a Milano, ha ripetuto la sua teatrale insoddisfazione per trasferirsi all’Inter (facendo stavolta un piacere vero a Galliani&co.).
In altre parole, il metodo Cassano ha fatto scuola e dato lezioni anche a Cristiano Ronaldo.
Dedicato a chi crede ancora che il calcio sia condizionato solo ed esclusivamente dai procuratori: a comandare sono ancora i “bambini”.