La Reggina rock di Mozart&co, il greatest hits di 9 stagioni di A

Undici Reggina Torino

Trent’anni di calcio professionistico affondati in un giorno, con la mancata possibilità d’iscriversi al prossimo campionato di Lega Pro e il fallimento societario. La Reggina, che ha alle spalle nove stagioni di Serie A – sette delle quali consecutive – ha lasciato un segno importante nel nostro massimo campionato e non lo ha fatto solo con il temperamento del suo patron Lillo Foti, ma anche e soprattutto con i giocatori che hanno vestito la sua maglia, gli allenatori che l’anno guidata.
La storia la fanno gli uomini, meglio i “senatori”, spesso le scelte non sense, la classe “per caso”, gli eventi che ti cadono tra capo e collo. La Reggina rock sfodera questo greatest hits.

Esordio in A al Delle Alpi, Juventus fermata 1 a 1

Undici iniziale in campo: Orlandoni, Giacchetta, Cirillo, Stovini, Bernini, Brevi, Baronio, Pralija, Morabito, Kallon, Possanzini.

Pareva un esordio su velluto amaranto, quello dei bianconeri in questa stagione 1999-00. Quando al 31′ Inzaghi segna l’1 a 0, la Juventus pensa di trovarsi davanti una discesa senza più salite. Avrà ragione solo per un tempo. Ad inizio ripresa, dopo soli due minuti, il corner battuto da Baronio è perfetto per il colpo di testa vincente di Kallon. Poi, da un piazzato di Oliseh, Stovini devia male e sul palo,  il pallone percorre la linea fino alla presa guantata di Orlandoni. É l’unico vero brivido sulla schiena della difesa calabrese, organizzata bene con una Juventus che non passa più.

La vittoria in rimonta contro l’Inter, lo sfogo storico di Lippi

Primo ottobre del 2000, la vittima della Reggina è l’Inter. 2 a 1 il risultato finale. I marcatori: Recoba al 10′, poi la riscossa dei padroni di casa con le reti di Possanzini al 45′ del primo tempo e di Marazzina al 49′. Il tecnico dei nerazzurri, Lippi, è furioso a fine partita: “Abbiamo giocato con leziosità, come dei ragazzi viziati che vanno in campo  e si aspettano la vittoria per grazia ricevuta. Tutto questo non è giusto né per chi ci paga né per chi ci viene a vedere. Fossi il presidente manderei via per prima cosa l’allenatore, prenderei i giocatori, li attaccherei al muro e li prenderei tutti a calci in culo. Non esiste giocare in questa maniera. Ecco, solo questo avevo da dire”. 

Il gol del portiere Taibi

É il 1° aprile del 2001, ma non è uno scherzo, quando il portiere Massimo Taibi segna in Reggina-Udinese 1 a 1, con un superbo colpo di testa:

“Portiere e goleador, Taibi salva la Reggina” titola La Repubblica. Alberto aveva portato in vantaggio i friulani al 77′. L’estremo difensore aggiusta il risultato all’88’.

Lo spareggio salvezza contro l’Atalanta, stagione 2002-03

Il primo confronto per rimanere in A, non si mette benissimo per la Reggina che all’andata al “Granillo” riesce solo in un 0 a 0 contro l’Atalanta. Il ritorno si gioca il 2 giugno invece del 1°, rinvio causato da un forte acquazzone a Bergamo. Pare tutto finito col gol dei nerazzurri di Natali al 18′, ma Cozza e Bonazzoli riescono nell’impresa di portare alla vittoria la squadra di Reggio e a farla restare in A. Il rientro degli amaranto in Calabria è salutato da 25mila persone, numeri da caroselli da vittoria Mondiale. “Il resto è solo festa dal colore amaranto – si legge su la Repubblica – con i tifosi reggini rimasti a Bergamo ad osannare “Lillo, Lillo” (il presidente Foti), prima di ripartire dopo un’avventura di trentasei ore da raccontare: andata di notte in treno, poi la grandinata, nottata in palestra, altra notte in treno. “Capite ora? Un sacrificio vero, e questo vuol dire che il Sud ha voglia di calcio, questi tifosi sono la nostra forza” ha gridato Lillo Foti. “Ora lavoreremo affinché il Sud non debba più soffrire così tanto”. 

L’amichevole col Real Madrid 

Il ventennale della presidenza Foti, si festeggia in grande. A Graz viene organizzata l’amichevole tra la Reggina e il Real Madrid di Fabio Capello. I calabresi non sfigurano davanti ad un avversario che si presenta senza tutte le sue stelle. L’incontro sarà deciso da un gol di Raul:

Piove forte e per tutta la durata della partita ma sugli spalti ci sono 10mila spettatori. Modesto e Leon sfiorano il gol e La Gazzetta scrive al proposito: “Alla fine l’1 a 1 sarebbe stato forse il risultato più giusto. Ma per la squadra calabrese la sconfitta di misura contro le stelle del Real Madrid rimane comunque un’impresa memorabile”.

La salvezza nonostante la penalizzazione di Calciopoli

Il campionato 2006-07 è l’annata più sorprendente della storia della Reggina guidata da Mazzarri. Partire da – 11 e salvarsi all’ultima giornata – vincendo contro il Milan –  è qualcosa che sfiora l’epica.

Vero è che quella domenica i rossoneri, quattro giorni prima avevano vinto la Champions, non hanno più nulla da chiedere alla stagione, ma la vittoria che porta la firma di Amoruso e Amerini val la pena di sfoderare la maglia “-11 dA non crederci”. Anche perché lo stesso Amoruso e Rolando Bianchi si riveleranno la coppia di attaccanti migliore della Serie A con, rispettivamente 17 e 18 gol a testa. Curioso il commento di un lettore all’articolo della Gazzetta che racconta la partita. “(…) La Reggina quest’anno si è salvata senza avere un solo campione in squadra, complimenti a mister Mazzarri”. Questa la rosa 2006-07, a dimostrazione di come la Serie A fosse ancora molto esigente e per rapportarla a quelle delle squadre di oggi in lotta per la salvezza.

Bonus track – La punizione di Pirlo

 

Annunci

Ronaldo e Gesù Cristo, la bulimia, il ginocchio dopato, l’incompreso da Ganz

Campionato del Mondo Germania 2006  Brasile - Ghana

La generazione dei tornelli, dei primi numeri personalizzati di maglia, degli ultimi colpi stellari del calciomercato in serie A, ricorderà un solo Ronaldo. E non si tratta certo di un Cristiano: quello è troppo perfetto, statuario, senza cicatrici e i capelli pietrificati dal gel. Luis Nazario da Lima è più vicino alla fragilità umana, ma lontano dal simbolo Pelè. Il ragazzo povero, dai calci al pallone sulla pietra e il cemento che diventa ricco, famoso, il migliore e poi piega in basso nella sua discesa, dimostrando prima di saper superare crisi epilettiche, tendini a pezzi, un sistema nervoso fragile, un fisico pesante, la bulimia.
La fame di tutto ha segnato la vita di Ronaldo e lo sta facendo ancora: cibo, donne, soldi – tanti – esagerazioni, la vita sul filo del rasoio, perchè “Non mi è stato mai permesso di vivere una vita normale” ha sempre detto. Niente della sua carriera calcistica è stato ordinario, soprattutto se ti chiamano subito “Fenomeno” e la Pirelli ti apre le braccia come Cristo. Il calcio è religione, più spesso blasfemia. Lo scrittore catalano Manuel Vazquez Montàlban lo ha amato più di qualsiasi altra persona (al pari di Massimo Moratti) e di lui ha condensato un ritratto memorabile: “E’ un pugile col colpo del ko facile ma con i piedi di Fred Astaire”. Con i guantoni ha fatto forse a botte con le sue paure, come ballerino i vari carnevali dimostrano che non se la cava un gran che. Il pallone: il pallone sì, è stato tutto.
“Paura del buio” di Enzo Palladini, è una biografia non autorizzata del calciatore, nel quale non viene omesso niente che non si possa sapere di Ronaldo, dentro c’è anche l’amore – neppure troppo tra le righe – del giornalista per un giocatore compiuto al 70% al quale questo, l’autore rimprovera, più di qualsiasi altra scelleratezza, anche se ne è la conseguenza.

Il ginocchio e l’ombra doping – Il dolore inizia nella seconda stagione al Psv. La genesi di quella che sarà una croce, inizia con un chiodo in terra olandese, nel 1995. Rapidi furono l’aumento di chili e centimetri, magari troppo e allora il sospetto. Bernardino Santi, coordinatore della struttura antidoping della federazione calcio brasiliana, non ha dubbi quando rilascia un’intervista nel 2008 a al quotidiano “Folha de Sao Paolo”: “In Olanda hanno somministrato anabolizzanti a Ronaldo (…). Ho parlato con colleghi olandesi e con persone che lavorano intorno al Psv, anche se non direttamente con i medici del club. Somministravano alcuni integratori vitaminici a Ronaldo, ma tra questi c’erano anche anabolizzanti che potrebbero averlo fatto crescere più di quanto la natura avesse previsto. I suoi infortuni successivi sono stati la conseguenza di una crescita muscolare eccessiva”. Le dichiarazioni di Santi fecero scalpore e la stessa Federazione brasiliana lo attaccò duramente. Il dubbio legittimo, aveva i contorni di un’ipotesi veritiera ma si doveva soprassedere.

Lo slogan della Nike censurato – Nell’ottobre del ’96 il Barcellona umiliò il Compostela per 5 a 1 con doppietta di Ronaldo. Uno di quei gol è nella storia e sempre lo sarà per la sua bellezza, visto e rivisto più volte al rallentatore e montato in varie versioni su you tube. Lo sponsor americano decise di comprare i diritti della partita e di regalargli uno slogan religioso: “Immagina di chiedere a Dio di diventare il più forte calciatore del mondo… E Dio ti ascolta”. Di quella pubblicità non se ne fece niente, con l’opposizione degli avvocati del Compostela che parlarono di immagini prive di consenso e umiliazione pubblica degli avversari.

Paura del buio – Nel 2000 una giornalista della rivista “Veja” riuscì a strappare a Ronaldo un’intervista interessante.
– Ha paura di qualcosa?
– Non ho paura di niente
– Di niente?
– Solo del buio
– Dorme con la luce accesa?
– Completamente accesa
– Ma di cosa ha paura? Dei ladri?
– No, di cose che fanno parte della mia immaginazione.

Ganz non capisce – Il corteggiamento costante di Massimo Moratti, ha epilogo felice nel 1997. E l’arrivo di Ronaldo il Fenomeno, qualche malumore lo creò. Il più amareggiato dall’arrivo di un concorrente, fu Maurizio Ganz che durante il ritiro sbottò: “Non capisco perchè abbiano preso un altro attaccante, visto che eravamo già in tanti”. La Serie A era ancora un campionato serio e di Ronaldo ci si poteva ancora permettere il discorso fritto del “Dovrà conquistarsi il posto in squadra, nessuno ce l’ha per diritto divino”. Esterofili sì, ma prima d’incensare…

Profumo di Beckham – In una partita di Champions del 2003, il Real battè il Manchester per 3 a 1. Ronaldo e il giocatore inglese si scambiarono la maglia: fu il primo gesto di una lunga serie a costruzione di una futura amicizia. “Volete sapere una cosa? – disse il brasiliano nel post gara – Alla fine della partita la maglia di David non puzzava di sudore, anzi era profumata. Questa è classe”.

Amabili resti – Palladini, chiude così la biografia: “(…) Negli occhi di chi l’ha visto giocare dal vivo, resteranno accelerazioni che non si erano mai viste prima e che non si vedranno più. Resterà il ricordo di un numero 9 che per una beffa del destino ha giocato due delle sue migliori stagioni con il 10 (primo anno all’Inter) e l’11 (primo anno al Real e unico campionato nazionale vinto), resterà il soprannome di Ronaldo Fenomeno che nessun Cristiano potrà mai usurpare. Lo aspettano anni di ricordi e di agiatezza, forse un giorno spiegherà almeno a se stesso perchè non ha voluto diventare il più grande di tutti. Paura del buio, ma forse anche della luce”.