Otto motivi (poco seri) per cui ricorderemo Brasile 2014


BsfG8HcCEAEI2ed

1 – Orario subdolo. Nella scena iniziale del film “Così è la vita”, il carcerato Aldo dice dal basso del suo letto a castello al compagno di cella, sdraiato sopra un materasso sfondato: “Meno male che domani esci: avrò dormito un’ora in due anni”. Ecco, la stessa cosa è capitata a noi per i Mondiali: tipo che dal 13 giugno, mancano almeno 50 ore di sonno. La partita delle 22 o quella di mezzanotte sono state le più deleterie: alla fin fine non ti addormentavi tardissimo, ma quelle ore perse notte per notte andavano accumulandosi, facendoti arrivare come uno straccio al rush finale.

2 – Le braccia conserte. Cuadrado è stato il peggiore in assoluto. Nella ripetizione della presentazione dei giocatori, lui spiccava perchè piegando le braccia s’infilava le mani sotto le ascelle. Tutti gli altri, invece, se la sono cavata più o meno bene. Ormai è una posa virale. Potrebbe scapparci mentre parli con chiunque.
Gif Colombia

3 – Martins Indi. Ho controllato la foto su Wikipedia: non pare lui. A meno che a questi Mondiali non si sia presentato già “memato”. Di fatto ad ogni partita dell’Olanda c’era una sua espressione indimenticabile.
BsLgnuMIUAAon2q

4 – La pazza Germania. Non li capiamo. Memori di Oddo sbronzo davanti a tutte le telecamere del globo, quelle esultanze teutoniche compassate fanno quasi saltare i nervi. Eppure dentro la squadra la follia impera(va). Neuer ha fatto di tutto e di più, anche il libero alla Beckenbauer per intenderci, e in finale l’uscita omicida contro Higuain ha ricordato quella di Harald Schumacher nell’82 contro Battiston (in realtà, a me ha ricordato il ginocchio alto di Sebastiano Rossi al Milan…). La Germania, dopo oltre trentanni, ha finalmente un portiere folle. E un attaccante che trolla gli avversari: la finta caduta di Muller in uno schema su punizione contro l’Algeria, non ha bisogno di essere commentata. La punta del Bayern è clamorosa: riesce nelle cose impossibili e sbaglia l’improbabile davanti alla porta.
BshFSU8IAAAiZfa

5 – Falli e feriti. Qualche intervento è stato di una violenza commovente: dal morso di Suarez, alle tacchettate sui menischi, i gomiti sugli zigomi, le entrate a gambe tese per fare male senza pudore. Tibia e perone per Onazi, sangue dalla testa per Feghouli. Prendendo a prestito il concetto di un amico, a questo Mondiale si è “marcato di più per coprire di meno”. Si è segnato tanto (il Brasile ha contribuito moltissimo: al passivo, ovvio) ma di spettacolo se n’è visto davvero poco. Inevitabile che sia stata la competizione dei portieri: cattivi, furbi, bravi e bravissimi; bastardi, in lacrime (Julio Cesar), sorprendenti e allucinati (Casillas).

6 – Bambini in lacrime. Il prossimo mestiere di tecnico della regia tv, sarà quello di inquadrare solo belle fighe. Ci sarà proprio una figura preposta solo per questo, ne sono sicura. Eppure, a rimanere impresse, saranno le lacrime dei bambini. Ci siamo passati anche noi col primo Mondiale di cui abbiamo coscienza, una sorta di formazione che l’esistenza te la condiziona, perchè è in questo contesto che, per la prima volta, si sperimenta il dolore gratis di una sconfitta e l’ansia, altrettanto gratis per una vittoria. Entrambe, materialmente, non ti danno niente. E’ questo uno dei baratti più paradossali della vita, il calcio è il primo maestro ad insegnartelo.

7 – L’inutilità dei Ct argentini. Di che pasta fosse fatto Sabella s’era capito quando Lavezzi gli spruzzò l’acqua dalla borraccia, mentre era a bordocampo, così, per cazzeggio, anche se gli stava dando indicazioni in campo. Carisma a tonnellate, insomma. Lo stesso Lavezzi è stato ancora il testimone della mossa assurda del Ct nella finale: sostituito per far posto ad Aguero, quando l’ex Napoli era la classica spina al fianco dei tedeschi. Sabella ha 59 anni ma ne dimostra più di Cesare Maldini, si è reso protagonista di finti svenimenti a gol clamorosamente sbagliati. Contro l’Olanda, si tappava gli occhi con le mani quando i giocatori battevano i rigori decisivi. Spiace dirlo, ma è da Menotti che l’Argentina non ha un Ct meritevole di farsi ricordare.

8 – Cristo si è fermato al 2006. Un anno che è riuscito nel miracolo di rimpiazzare il 1982. Se prima eravamo figli di Bearzot, ora siamo tutte vedove di Grosso e Del Piero. Sky ha fatto rimandi continui all’Italia iridata di otto anni fa, tutto ciò che risale a quell’estate fa morire di nostalgia e pare debba essere preso da esempio ma non si sa su quali basi, visto che il calcio italiano pare essersi fermato lì e lì aver iniziato la fase medievale. Pensare che nel 2006 Tavecchio era già seduto sulla poltrona, idem Macalli. Il fatto è che eravamo felici. Ed avevamo ragione.

La corrente anti-Maradona degli anni ’90

Maradona 90

Oggi ce l’ha con il Fisco italiano al quale deve una serpentina a tutto campo di milioni di euro. Ieri, con il colonialismo, gli arbitri, l’Inghilterra e gli Usa, la Fifa, Joao Havelange. Maradona spacca da sempre i sentimenti di addetti ai lavori e appassionati di calcio ed è inevitabile se da personaggio pubblico non ha mai fatto mistero delle sue idee politiche, sociali e calcistiche. Sentimentalmente il numero 10 non lascia zone di compromesso grigie e non le colorerà mai. L’amore per Maradona non ha segreti, la corrente dell’antimaradonismo invece qualche buco nero lo presenta e inizia negli anni Novanta, conseguente – letteralmente – ad un colpo di mano. Ai Mondiali messicani dell”86 con la patata bollente politica e diplomatica tra Inghilterra e Argentina per le isole Malvinas, Diego riscatta simbolicamente il suo popolo sconfiggendo da solo i britannici e con lo storico gol di mano che beffa il portiere inglese Peter Shilton ma soprattutto l’arbitro tunisino, Ali Bennaceur: un’azione troppo veloce da poter – o voler – vedere e sanzionare. Poco importa se la seconda rete di Diego, quella che diventerà il gol del secolo, legittimerà la vittoria dell’Albiceleste: per tutti gli anni a venire si parlerà del primo irregolare centro. Come se non bastassero le polemiche fisiologiche di un post gara di questo tipo, Maradona mette i toni e il clima sui carboni roventi: “Il primo gol? L’ho segnato un po’ con la testa di Maradona e un po’ con la mano di Dio”. Il Mondiale in Messico si chiuderà allo stadio Atzeca con la vittoria dell’Argentina per 3 a 2 contro la Germania Ovest. Nessuna delle due compagini immaginerà che quattro anni più tardi si ritroveranno in finale ai danni dell’Italia, paese nel quale Maradona si consacra uno dei miglior giocatori che abbiano mai arroventato un campo di calcio, riscattando stavolta Napoli, per una volta non più conosciuta solo per il leitmotiv italiano “camorra-pizza-mandolino”.
Gli eventi attorno a Diego prendono a girare vorticosamente. Il fantasista si fa ben presto strumento di propaganda non solo sportiva ma anche politica e sociale. Intanto, in occasione dei sorteggi per i gironi di Italia ’90, Maradona spara la prima cartuccia contro l’allora presidente della Fifa Havelange, reo di “favorire l’Italia e sfavorire l’Argentina”. Il giocatore non farà mai mistero di questa sorta di corrente che, a suo parere, vuol portare a tutti i costi la Nazionale di Azeglio Vicini a raggiungere la finale e vincerla (magari contro la Germania). A competizione iniziata, l’Argentina allunga la sua coda di antipatie e odio quando nella seconda gara del girone contro l’ultima Urss della storia, un fallo di mano di Maradona non verrà sanzionato dall’arbitro con il rigore, anticipando così il declino della squadra di Lobanovskyj . Non è passato nemmeno un anno dalla caduta del Muro, ma Diego rende più amare le lacrime dei nostalgici dell’ormai ex potenza calcistica. Il sentimento anti Albiceleste si acuisce per poi rivoltarsi come un calzino nella semifinale del San Paolo tra Italia e Argentina. Maradona, approfittando di quella che ormai è casa sua, rompe le reni a quella che per lui è solo ruffianeria dell’Italia nel raccogliere la spinta della città partenopea funzionale a raggiungere le finali: “Solo adesso che ne hanno bisogno gli italiani si ricordano dei napoletani”, dirà il numero 10. Una granata che spaccherà il San Paolo a metà. Caniggia, invece, si occuperà di bucare la porta difesa da Zenga e riportare sull’1 a 1 il risultato della gara. Rigori nefasti per gli azzurri che lasciano accedere alla finale l’Argentina. Maradona inizia a sentire le pressioni e si porta sulle spalle strette il peso di una sorta di colpa da scontare, anzi due: la mano de Dios e l’aver stracciato il sogno italiano di vincere la Coppa in casa propria. Nella finale dell’Olimpico il clima è pro Germania e Diego non nasconde sotto i fischi il suo rabbioso “Hijos de putas, hijios de puta”. Generoso e discutibile il rigore concesso alla Germania e trasformato da Brehme, decisivo ai fini della vittoria tedesca. L’arbitro dell’incontro è messicano Edgardo Codesal, figlio d’arte – poiché il padre uruguaiano Josè Maria è stato anch’egli un direttore di gara – genero di Javier Arriaga membro arbitrale della Fifa. Nemmeno a qualche anno di distanza dalla finale di Roma, Maradona le manda a dire: “Quando li eliminanno dai mondiali, gli italiani dovettero ingoiare il più grande rospo della loro storia. Questo perchè Matarrese, un altro mafioso, da presidente della federazione italiana aveva già concordato la finale tra Italia e Germania. Fu allora che successe quello che successe: accusarono di doping prima me e dopo anche Caniggia, però dopo nessun altro. Nel calcio italiano, a parte Maradona e Caniggia, nessuno ha mai preso nemmeno un’aspirina”.
Sempre a suo dire, fu il doping lo strumento col quale la Fifa lo punì e tagliò dai campi di calcio. La partecipazione a Usa ’94, Maradona la racconta come un complotto, motivato anche dal fatto che in un clima glaciale col quale gli americani accolsero la competizione, serviva un personaggio potente come lui per scaldare l’atmosfera. La tesi complottistica fu poi confermata da Caniggia nel 2009: “Quattro mesi prima dei mondiali, gli organizzatori chiamarono Diego e gli dissero che avevano bisogno di lui. Diego era perplesso perchè il tempo a disposizione era troppo poco e non voleva fare una figuraccia davanti agli occhi del mondo, allora gli fecero capire che avrebbe potuto aiutarsi in qualunque modo, contando poi sul fatto non lo avrebbero controllato”. Dopo la vittoria per 4 a 0, Maradona risultò positivo all’efedrina, sostanza notoriamente usata per dimagrire, ma non fu squalificato prima della gara immediatamente successiva con la Nigeria, bensì con quella contro la Bulgaria, la cui partecipazione avrebbe permesso a Maradona di raggiungere il record di presenze alle competizioni mondiali. E’ qui che inizia il declino della carriera del giocatore e forse anche quella dell’uomo. La corrente antimaradoniana non si è mai spenta ma va a corrente alternata, al contrario di quella d’amore incondizionato. Colui che si è sempre eretto a difesa delle classi più deboli, subì un ribaltone della sua immagine, scomodando la feroce critica di Indro Montanelli su Il Giornale: “La gente comune, costretta a fare i salti mortali per poter mangiare, non sopporta i Maradona, non sopporta i modi dei nuovi ricchi, le loro feste miliardarie, il loro circo ambulante, i loro capricci da padroni del mondo che devono ancora scrollarsi di dosso la polvere dei quartieri dove fino a poco fa soffrivano la fame”.

Ho fatto piangere la Germania

Io sento solo fischi e li sento da anni, li sento in tutti gli stadi e ovunque giochi.

Io sono diverso e per questo tutti mi odiano. Mi urlano che non esistono “negri italiani” ma a me quella maglia non pesa per nulla mai.
Dicono che non capisco niente, c’è chi mi dà del ritardato ma io sono così e certo, non mi sento uno scienziato, anche perchè a scuola non avevo tanta voglia di studiare, io volevo solo giocare al pallone e anche mamma e papà lo sapevano che era inutile sgridarmi.

Ieri sera ho fatto piangere la Germania. Applaudivano tutti ma io sentivo anche i fischi. Li sento già rompere l’aria dentro il concerto di urla assordanti ma quei sibili mi arrivano prima alle orecchie. Ci stavo male i primi tempi, ci stavo male quando mi facevano “buuu” oppure quando mi tengono in panchina. Io sono il terzo giocatore più forte al mondo, dopo Messi e Ibra. Io ho fatto piangere la Germania.

Avevo promesso che se avessi segnato avrei esultato. E infatti Antonio ha fatto quella cosa là sulla sinistra, bella e io ho ricevuto quel cross e ho sentito che il pallone non andava stoppato ma ci dovevo andare subito di testa, per colpirlo e metterlo in rete. La partita era cominciata da poco, immagino, non saprei contare i minuti, ma so che forse era troppo presto. Io ho corso lo stesso, perchè ve l’avevo detto che l’avrei fatto. Mi hanno abbracciato tutti i compagni, gli stessi che nelle settimane prima mi avevano un po’ messo da parte. No, cioè, mi stavano tutti accanto come prima, ma li senti subito se sono troppo freddi o ti guardano come professorini. Io rispondevo loro con lo stesso sguardo di quando andavo a scuola e le maestre mi dicevano che dovevo studiare: i miei occhi erano quelli di chi non gliene importava niente perchè io dovevo giocare.
Sono partito dall’oratorio di Brescia, sono stato pure nel Lumezzane e ieri sera ho fatto piangere la Germania. Anche il secondo gol è arrivato troppo presto, è che Montolivo in contropiede ha fatto quel lancio perfetto e io ho agganciato palla e l’ho buttata in rete con tutta la forza che avevo. Ho solo 22 anni mi sono sentito meglio di Messi perchè ho fatto piangere la Germania. E oggi stanno tutti a baciarmi il culo, anche quelli che non mi avrebbero voluto più in Nazionale. Dicevano che facevo incazzare, che m’allenavo poco, che sbagliavo troppi gol ma io la testa, quando sono davanti alla porta, non la uso mai. Io sono schiavo dell’istinto e della mia forza, io ero già il più grosso di tutti a 15 anni, io sono alto quasi un metro e 90 e sono solo muscoli. Cioè: mi avete visto? Mi sono tolto la maglia e ho fatto vedere quanto sono tosto perchè io sono così. E ho fatto piangere la Germania.

Quelli bianchi erano tutti perfettini, peggio di Pirlo o Marchisio. Anche il mister è perfettino ma gli voglio bene perchè mi dice le cose giuste al momento giusto e se mi sgrida a volte ha ragione. E’ che io quando mi sono fermato per crampi non fingevo stavolta, io non volevo uscire per lasciare il posto a Totò. E’ che sono in Nazionale, mica potevo fare cazzate però sono rimasto in panchina accanto ad Antonio. All’inizio faceva tanto l’amico, poi non so cos’è successo, è stato sicuramente influenzato dagli altri e dopo le prime due partite, in allenamento faceva coppia fissa con Totò e mi lasciavano da parte. Io me ne sono accorto ma sono stato zitto, perchè io di cavolate in Nazionale non l’ho m’hai fatte. E lo sapete tutti. Lo sa anche mamma e mio fratello, tutti i giornalisti.
Io sono Peter Pan e non avevo il culo nella Nutella. Queste due cose mi fanno ridere ma il mio agente mi ha detto di dirle. Anche Mino è un po’ come me: tutti lo odiano ed è vero è un po’ strano, è piccolo e fa sempre tanto casino con le televisioni e i giornali quando mi deve difendere. Ma è il migliore che c’è e lo dice anche Ibra, perchè anche Ibra ha Mino e pensa la stessa cosa. Anche quella cosa che non voglio esultare ai gol è nata un po’ a tavolino e un po’ no. Ci ridevo da solo quando m’è venuta in mente: ma se io sono un attaccante e devo segnare perchè devo urlare? Io sento solo i fischi della gente che mi odia. Dicono che è razzista ma io non credo sia perchè sono nero. Non capisco questa storia costruita di farmi essere diverso perchè non sono bianco, perchè sono stato adottato e perchè vado nei locali più belli di Milano. Cosa dovrei fare? Mi piace fare casino, mi diverte fare l’arrogante e quello al quale non gliene frega niente, ma non è vero: mamma e i miei fratelli lo sanno tutti come sono e sono gli unici a farmi forza sempre. Ma li sento ancora i fischi, li sento sempre e ce li ho dentro. Li so riconoscere e non c’entra niente il razzismo. Io sono diverso, mi fischiano per quello, mi fischiano perchè sono diverso, mi fischiano perchè io sono sempre stato il più forte. Io, Mario Balotelli, ho fatto piangere la Germania.