10 motivi per cui ho amato Zeman

Zeman sigaretta

Prima di diventare il paladino del calcio pulito, di farsi ostaggio volontario e capro espiatorio del fallimento stagionale di una squadra, prima di essere l’uomo solo contro il sistema e, infine, prima di mettere i panni del santone capace di trasformare la cenere dei risultati scadenti nelle bollicine di una bottiglia ceka di birra Pilsner, Zdenek Zeman è stato l’allenatore che più di chiunque altro ha saputo avvicinare le persone all’amore per il calcio.

Lo “zemanesimo” è uno stile di vita che abbracci nell’infanzia e lo consolidi nell’adolescenza, quando alla concretezza preferisci il “carpe diem” di un gol di Rambaudi o Kolyvanov  e non importa come sia “finita e cosa importa se ho la gola bruciata o no, ciò che conta è che sia stata come una splendida giornata”. 

Sì, la dottrina va molto d’accordo con il vecchio Vasco Rossi. Tifare per una squadra di Zeman significa avere il maalox in tasca, correre il rischio di aver bisogno di “cento gocce di Valium” e, dopo essere stato novanta minuti su un ottovolante sai che è stato “Stupendo” e che ti “viene il vomito”. L’uomo del derby di Roma che è una partita come le altre, ne perse quattro su quattro in una stagione, due di campionato e due di coppa Italia, tanto che nella capitale pareva di sentir cantare “Cosa succede, cosa succede in città” ma anche “Gli spari sopra”.

Lo zemanesimo è un bolla di vetro che si rompe quando stacchi il biglietto dei trent’anni, ti arrendi ad un’esistenza che per essere vissuta ha bisogno del compromesso, di smussare gli spigoli della coerenza e della testardaggine, quando gli eventi ti costringono a rimettere in gioco i principi che prima ti sembravano irremovibili. I risultati concreti diventano la priorità, il come li hai ottenuti un accessorio talvolta inutile come i tacchetti che una volta si facevano girare uno per uno sotto la suola delle scarpe da calcio che – accidenti! – quanto costavano. Inizi a preferire una vittoria con un autogol al novantesimo ad uno spettacolare 4 a 3, ma l’esser stati seguaci dello zemanesimo rimane addosso come uno stigma.

Rinnegata la dottrina, rimangono a fuoco i motivi per cui ho amato Zeman e sono dieci:

 

1) Non avrai altro modulo all’infuori del quattro-tre-tre.

 

2) Zeman comunista. Anzi no. 

 

3) “A Zdenek Zeman non dovrebbe essere assegnato il premio Prisco perché «è un mezzo rom».  Parole del sindaco di Chieti, Umberto Di Primio espresse durante una trasmissione sportiva dell’emittente abruzzese Rete8. La replica del tecnico boemo: «Io rom? Non capisco se è un’offesa nei miei confronti o del popolo rom». (19 marzo 2012).

 

4) La Lazio 1994-95.  Marchegiani, Negro, Favalli (o Nesta), Di Matteo, Cravero, Chamot, Rambaudi (o Casiraghi), Fuser, Boksic, Winter, Signori. Non è esistita Zemanlandia che abbia ottenuto un risultato migliore: seconda in campionato a pari merito con il Parma; 63 punti, 69 gol fatti e 34 subiti. Negli anni a venire, un piazzamento simile, sarebbe valso la Champions.

 

5) «Ho apprezzato la preparazione con cui siamo arrivati in zona gol, si è faticato e abbiamo costruito tutte le occasioni a un metro dalla porta. Però sul 5 0 ci siamo distratti, è umano ma non dovrebbe capitare». (Dichiarazioni di Zeman post Lazio-Fiorentina 8-2, giocata il 5 marzo del 1995, riportate dal Corriere della Sera).

 

6) «Io non l’ ho mai scoperta, la mafia. Nel senso che non ho una definizione della mafia. Prima dovrei sapere qual è la definizione, poi potrei rispondere. Che cosa intendiamo per mafia? La Cupola, Totò Riina, Michele Greco? Sono cose che si sentono, che si leggono… Ma io penso che se uno non tocca con mano non può giudicare». Cos’ è la mafia? Un’associazione a delinquere con scopi di…? Alla provocazione Zeman replica con insistenza: «Ripeto: è normale che uno rifiuti tutte le cose violente, ma non me la sento di dare un giudizio sulla mafia. Le stragi di Capaci e via D’Amelio? Ma questa è mafia? Allora, se questa è mafia, cancello tutto e dico che la mafia è una cosa bruttissima, gravissima e così via. Ma io non sono convinto che quella sia mafia». (dicembre ’94, intervista rilasciata al settimanale “Sette” del Corriere della Sera).

 

7) Roma Caput Provincia. «Se un giorno segni due gol diventi Pele’. Al contrario, se non vinci per un mese, diventi il più scarso del mondo. E strano che, con tanti anni di storia alle spalle, Roma abbia questa mentalità»

 

8) Gascoigne e il rientro post infortunio nella primavera del ’95. «Vi chiedete come ho fatto a dimagrire tanto? Se conosceste i metodi di Zeman, la durezza dei suoi allenamenti, non vi chiedereste una cosa del genere». 

“L’ inglese infatti quasi certamente sarà in campo domenica prossima contro la Reggiana ad un anno di distanza dal grave infortunio alla gamba destra. Zeman non lo ha detto apertamente, ma lo ha lasciato intendere. «Sicuramente non giochera’ in porta, perche’ abbiamo già un buon portiere» (aprile ’95).

 

9) Marco Cassetti, uno dei difensori più sottovalutati dal calcio italiano, ora svincolato. A Lecce, stagione 2004-05, Zeman lo sposta contro il suo volere da esterno a terzino. Il giocatore piega la testa, fa la migliore stagione della sua vita, raggiunge la Nazionale. L’anno dopo verrà tesserato dalla Roma.

 

10) Oberdan Biagioni, ex centrocampista del Foggia, nel campionato 1992-93, 24 presenze e 5 gol.

Annunci

Costa Rica, dal calcio pura vida al derby armato

Ticos fan

Abbiamo fatto tutto quello che era possibile fare. Oggi non potevamo vincere questa partita. Così è la vita.
Occhiali squadrati – sempre gli stessi – e poggiati sul naso, l’atteggiamento pseudo filosofico di chi la beffa l’ha incassata dopo averci creduto. Tanto. Eppure il Ct della Costa Rica a Italia ’90, Bora Milutinovic, rispose così, nel post gara degli ottavi di Italia ’90, dopo la sconfitta per 4 a 1 contro la Cecoslovacchia. Non era mai andata così avanti la Nazionale centroamericana, rappresentante di un Paese nel quale il calcio è una passione dalla presenza pesante ma non così invasiva da penetrare nella società in modo totalitario.
La Costa Rica è quel paradiso che gli amici descrivono in modo standardizzato, non rendendo affatto l’idea di come il principio pari ad una shari’a, quello di “pura vida”, si sia cucito col fil di ferro alla cultura locale e sia arrivato poi al calcio.
Popolo di surfisti e di turisti che girano con lo zainetto a rincorrere il low cost, i costaricani o “ticos”, sono solari, rilassati e rispettano in maniera materna la natura, in un rovesciamento di ruoli tra uomo e Terra. Il principio della pura vita ha fatto sì che, mentre gli Stati confinanti si distruggevano in guerre civili, la Costa Rica scelse di non organizzarsi neppure un esercito professionista.
Dopo l’exploit di Italia ’90, i ticos ricomparvero sul palcoscenico mondiale nel 2002 rompendo il principio di pura vida con un gioco spavaldo. Nell’ultima partita del girone, non si arresero facilmente al Brasile presto pentacampeao, anzi: li misero per buona parte della gara alle strette, andando contro la natura – la stessa catena alimentare – che vuole il pesce grande mangiarsi il piccolo. Il calcio vibrante scosse quello “pacifista” Da lì, non è stata più la stessa cosa e la Costa Rica, quando va male, è catenaccio o materasso. Oppure stende 3 a 1 l’Uruguay.
I soldi che fluiscono nel calcio locale, sono fenomeno recente e coincidono con il boom immobiliare degli anni ’80, con la decisione del governo di proteggere vaste aree naturali. Un piano che produsse un’offerta ecoturistica tale da attirare moltissimi imprenditori e turisti. Il tutto andava a braccetto con la Nazionale di Milutinovic che accedeva ai Mondiali italiani e superava il girone. La ricchezza si è concentrata nella Valle Centrale, dove si trovano le due città più grandi della Nazione, nonchè quelle con le maggiori squadre di calcio: San Josè e Alajuela. La prima, il cui club è il Saprissa, decise di mettere fine al tifo dimesso e poco caldo dei suoi sostenitori e per aizzare gli animi si avvalsero di un gruppo di fanatici cileni dell’Universidad Catolica. Così nacque la Ultra, l’atteggiamento rissoso e i cori a tavolino. L’Alajuelense però, non rimase a guardare e formò la corazzata Doce. Il derby nacque spontaneo e sempre più feroce con il sorgere delle bande legate ai gruppi ultras e la sensazione dei giovani tifosi di rimanere attori marginali rispetto al ruolo di una minoranza costaricana che beneficiava di questo sviluppo economico. La situazione divenne tale che i disordini si concentrarono anche in occasione delle partite della Nazionale. Saprissa e Alajuelense decisero di mettere un freno a la Ultra e la Doce, con un’efficacia dubbia. “Avevo l’abbonamento stagionale per me e per la mia famiglia – racconta Matias nel libro “Guida alla Coppa del Mondo” – ma l’ho dato via. Adesso quando vai allo stadio, c’è un settore intero occupato dagli ultras, alcuni vanno perfino allo stadio armati”. Contro natura, contro il calcio pura vida.

Articolo pubblicato su Fantagazzetta

Lulic, la storia del derby scritta dal gregario

Lulic Senad

La capriola di fantasia di Hernanes: no. L’infallibilità da cecchino di Klose: nemmeno. Il fulmine dalla media distanza di Candreva: neanche. Il derby, quello che per la prima volta nella storia mette in palio un trofeo, lo risolve Senad Lulic, l’esterno protagonista solo a sprazzi di questo campionato – un po’ come tutta la squadra biancoceleste – ma eroe di Coppa.

Match winner – E’ il 71′, squadre lunghe, Lazio che ha fatto vedere qualcosa di più ma non è una partita indimenticabile, in fondo, da troppi anni, le romane non riescono ad essere protagoniste in campionato, alle prese con molteplici problemi di natura differente. La società biancoceleste è eterna incompiuta, quando potrebbe spiccare il volo, riesce a muovere un’ala sola. Tre competizioni da reggere con una rosa dai pochi petali, sono troppe. E’ così che la Lazio si trova a giocarsi il senso di una stagione nella finale di Coppa Italia, contro il peggior avversario di sempre, dentro una stracittadina con la tensione così densa che si taglia a fette. Mancano venti minuti alla fine della partita, la sensazione è che chi segna per primo si aggiudica il trofeo, solitamente tanto snobbato. La palla arriva a Mauri che la passa sulla destra a Candreva, quest’ultimo la lancia in mezzo all’area, Lobont con una mano la devia verso Lulic che buca la porta romanista, con un gol che assegna il derby, la finale, la Coppa e l’Europa League, alla Lazio.

Dedica speciale – Intervistato nel post gara, Lulic è raggiante, ha poco fiato, si esprime come suo solito con una manciata di parole: “E’ una vittoria indimenticabile – dice – Soprattutto perchè arrivata contro la Roma, è davvero una cosa incredibile. Dedico il gol a mia moglie che è incinta. Sull’azione, mi sono posizionato al posto giusto e nel momento giusto, dopo aver visto Candreva sulla destra”. Lo ha premiato il tempismo, lo stesso che ha risolto un match che molto probabilmente si sarebbe protratto fino ai rigori.

Da oggetto non identificato a Sindaco di Roma – Tare pesca il giocatore nel campionato svizzero e il ragazzo bosniaco nato a Mostar arriva alla Lazio nel 2011 da sconosciuto e oggetto non identificato. E’ un esterno, che all’occorrenza può anche giocare basso e su entrambe le fasce. Esordisce alla prima trasferta di campionato a Milano, a San Siro, contro il Milan, un po’ goffo nei movimenti, col passo in rodaggio. Impensabile che di lì a poco sarebbe diventato il perno della squadra allenata da Edy Reja, definendosi nel ruolo di esterno sinistro. L’estate scorsa è stato il primo fan di Vladimir Petkovic, un mister con cui Lulic ha lavorato nel Bellinzona e nello Young Boys. Eppure nelle prime partite di campionato, il bosniaco sarà la brutta copia di colui che tanto aveva fatto bene l’anno precedente. Purtroppo, gioca le prime gare nel ruolo di terzino, con compiti che mal si adattano alla sua natura. Lulic però si sacrifica, per il tecnico che lo ha sempre stimato e considerato moltissimo, il giocatore si spende in questo ed altro. Finirà in crescendo la stagione dell’esterno, culminata con un gol nella finale di Coppa Italia, nel giorno in cui Roma è chiamata ad eleggere il suo Sindaco: i romani, quelli di parte laziale, hanno già scelto.

Articolo pubblicato su Vavel.com

Da Chinaglia a Klose, cinque uomini che hanno fatto la storia del derby

PicsArt_1369230894772

Roma brucia. Una combustione di tensione, ansia e trepidazione per la finale di Coppa Italia, nella quale si disputerà, per la prima volta, un derby che mette in palio un trofeo. Ogni gara con la Roma, ha una storia a sè, emozioni diverse e stratificate, irripetibili. Nonostante i pronostici, il risultato è sempre aperto, pronto a sovvertire i favoriti della vigilia, talvolta crudele e determinato dagli episodi, la vittoria è gloria da caput mundi, la sconfitta un dramma che lascia stimmate anche per più stagioni a venire. La Capitale vive il calcio così: prendere o lasciare. Tuttavia, la storia la fanno sempre e comunque gli uomini. Cinque sono quelli che meritano una menzione d’onore, ma come “outsider” ci sono anche un mister e una meteora.

Miroslav Klose – In due stagioni ha già segnato due volte alla Roma, più un rigore procurato. E non è stato decisivo solo nel suo ruolo di attaccante ma anche in quello di amuleto, perchè con lui in campo, la Lazio non ha mai perso. Freddo come il marmo, generoso come pochi, è forse uno dei pochi centravanti classici rimasti nei campi di gioco e prodotti dalla vecchia generazione. Sguardo glaciale, a parole sulla stracittadina, ha saputo solo dire che è “qualcosa di straordinario”. Difficile capire come e quanto senta il derby. Possente e taciturno, ha riempito di urla l’Olimpico con il suo gol al 93′, a trenta secondi dal fischio finale, il 16 novembre del 2011: una rete incredibile, che determinò la conquista dei tre punti e dunque della vittoria. In quell’occasione gli brillarono gli occhi sotto la Curva, ma ancora non sapeva che con quella rete, avrebbe firmato una pagina di storia. L’ultima impronta risale all’11 novembre scorso, sotto il diluvio, con una rete semplice ma “ok”: lo stesso segno che fa con la mano, come unica esultanza ad ogni gol. Semplice ma diretto ed efficace. Come sempre.

Juan Sebastian Veron – Battuta a pochi metri dalla lunetta e sfera sotto l’incrocio dei pali. Una punizione che solo una “streghetta” poteva inventarsi, nel momento clou di un derby che per la Lazio fu determinante nella rincorsa allo scudetto. Era il 25 marzo del 2000, e la “brujita” Veron, in quei mesi, si era preso pure le critiche ingiuste del tifoso esigente che sognava in grande e stavolta non voleva vedersi sfuggire il titolo nazionale. Troppo appannato e lento, dicevano. Sì ma quella punizione alla Roma va vista al rallentatore per godere della prodezza balistica. Classe cristallina, cuore caldo come quello di tutti gli argentini, la zampata di Veron rimarrà negli almanacchi come nelle sue pagine di vita romana. “Il mio gol più bello – ha recentemente ricordato – è senza dubbio quello contro la Roma su punizione. Ho segnato nel derby rovesciando il risultato e dando la vittoria alla Lazio. Non c’è cosa più bella”. Erano i tempi in cui Veron affinava la sua tecnica in modo particolare, ingaggiando, nelle sedute a Formello, un duello con un altro specialista, Sinisa Mihajlovic. Rimpianto e soprannominato poi la “luce”, alla Lazio, luce fu.

Paul Gascoigne – Eccentrico ed eccessivo, fragile, romantico e mai banale. Non è stata solo la sua personalità a farlo diventare uno degli idoli della tifoseria, ma anche quella rete alla Roma che allontanò la sconfitta, in quelll’1 a 1 finale, datato 29 novembre 1992. E’ l’89’, Signori, dalla trequarti, lancia palla in area per Gazza che di testa trafigge la porta giallorossa. Gascoigne impazzisce, allarga le braccia e corre sotto la Nord ad accogliere la gioia di chi già, sconsolato, pensava alla giornata di sfottò che gli sarebbe costata l’indomani. Troppo anche per un uomo abituato agli eccessi e che rientra a centrocampo con una maschera – stavolta involontaria – di lacrime. Gascoigne piangerà altre volte, combatterà altre battaglie, continuerà la sua carriera alla Lazio fatta soprattutto di infortuni e spezzoni di partita. Colui che rallegrava lo spogliatoio, era lo stesso che non sapeva darsi serenità e nonostante le lacune umane e l’incompiutezza, Gazza rimane un’icona della generazione di geni calcistici che ha provato ad avvicinarsi a George Best, senza riuscirci ma ugualmente amati.

Paolo Di Canio – Idolatrato, odiato, discusso e sempre sul fuoco della polemica. Di Canio ha giocato solo pochi anni in biancoceleste: dal 1987 al 1990 e dal 2004 al 2006. Non è una bandiera nel senso vero e proprio del termine ma il suo nome è indissolubilmente legato a quello della Lazio. Tifoso viscerale, non ha mai risparmiato critiche feroci alla squadra e alla società, durante la gestione Lotito. Impertinente e sopra le righe, alla Roma, con la maglia laziale, ha segnato due reti, a distanza di sedici anni l’una dall’altra. Nella prima era un ragazzo di 21 anni che viveva il sogno di giocare in prima squadra per il club del cuore. Il 15 gennaio dell”89, fu il match winner della partita, nella quale fece più storia la sua audacia e arroganza di esultare sotto la Curva Sud che la rete stessa. Una sorta di emulazione di quanto aveva già fatto un certo Giorgio Chinaglia anni prima, un “dolce” dopo i bocconi amari di una Lazio che aveva vissuto anni molto travagliati. Di Canio lascerà Roma nel ’90 per tornarvi da protagonista nel 2004, chiudendo momentaneamente con la Premier League. Un rientro a Roma osannato, strumentalizzato ma con tanta passione, la stessa voglia di scrivere pagine di storia, aprendo le marcature del derby che si giocò nel giorno dell’Epifania del 2005, match nel quale la Lazio s’impose per 3 a 1. Con il club capitolino, l’addio si consumò in uno strappo violento e da allora la tifoseria laziale sogna un altro romano e laziale, capace di farsi amare (e odiare) alla stessa maniera.

Giorgio Chinaglia – Long John prendeva la vita come una sfida, figuriamoci se il derby poteva rappresentare altro. Dal 1971 al 1975, Chinaglia ha segnato cinque reti alla Roma e in quello disputato nell’anno dello storico scudetto, il ’74, non mancò come suo solito di provocare in ogni modo la tifoseria avversaria. L’esultanza con il dito puntato, l’originale, quello sotto la Sud, è sua, è il fermo immagine di un poster e di un totem che ha accompagnato il tifo di un’intera generazione che lo rimpiange, adesso che non c’è più, e che ha smesso di credere nell’emergere di un suo erede. Se la Lazio avrà un altro Chinaglia, non è dato sapere, di certo il centravanti nato in Toscana, viveva il derby come pochi, con ardore e al pari di una battaglia e non si risparmiava nella benzina da mettere sul fuoco ad ogni vigilia. “I’m football crazy” cantava nel ’74, mentre nel ’76, Rino Gaetano lo citava in “Mio fratello è figlio unico”. Anni ruggenti a specchio dei quali seguirono i guai con la giustizia e un’operazione, finita malissimo, per riappropriarsi della Lazio nel 2006.

 

Sven Göran Eriksson – Il mister svedese è passato alla storia non solo come il tecnico dello scudetto laziale del 2000 ma anche per aver conquistato quattro derby su quattro (due di campionato e altrettanti di Coppa Italia) in un’unica stagione, la ’97-’98. A tal proposito, i tifosi, ordinarono una targa commemorativa di questo poker speciale.

Mauro Zarate – “Outsider” degli uomini derby, rimane tuttavia memorabile il gol che segnò l’11 aprile del 2011, in un match vinto dalla Lazio per 4 a 2, dopo cinque stracittadine di digiuno per i biancocelesti. Un tiro al “sette”, battuto dopo aver eluso la marcatura avversaria, all’altezza del vertice sinistro dell’area. I laziali pensarono di aver trovato il fantasista a lungo inseguito, poi gli eventi e il rapporto tra società e il giocatore argentino, si sono deteriorati come mai sarebbe stato possibile ipotizzare.

Articolo pubblicato su Vavel.com