“Il calcio arte imperfetta, ma Maradona è stato il miglior pittore surrealista”. Parole e pennellate con Pupazzaro

13095770_1693056154287735_561891931314009736_n

L’appassionato di pallone può essere un pragmatico o un esteta. Tuttavia non è facile ammettere che il nirvana dell’occhio lo si raggiunge quando queste due caratteristiche si uniscono. Negli ultimi anni si parla molto del valore culturale del calcio e per fortuna non si ferma solo alla maggiore fioritura narrativa e di saggistica. Molti sono coloro che si cimentano nelle illustrazioni, nel farne un arte visiva. “Pupazzaro” ha iniziato col dare una veste militare o monarchica ai giocatori, per poi arrivare a far indossare la maglia dell’Argentina ad un serissimo Borge e la divisa della Polonia a Chopin. L’arte è trasversale, il calcio lo stesso.

Innanzitutto, ti chiedo di presentarti, di dirci qualcosa su l’artista che si cela dietro lo pseudonimo di Pupazzaro

“Mi chiamo Fabrizio Birimbelli, sono nato a Roma 46 anni fa. Sono un informatico prestato alla grafica”.

Il tuo lavoro creativo è molto originale. Ce ne sono moltissimi di  account social con illustrazioni sul calcio e i calciatori. Mettere insieme arte/personaggi storici/Nazionali/squadre di calcio è però insolito. Come ti è venuta l’idea?

“Tutto è iniziato per scherzo circa 4 anni fa. Ho fatto il ritratto ad un mio amico in abiti da generale napoleonico. Lo ha appeso a casa e qualcuno gli ha chiesto se quello fosse un suo antenato. Lì ho capito che l’idea poteva funzionare. Successivamente ho iniziato a ritrarre i calciatori della Roma, della quale sono tifoso, e sono stati pubblicati sul sito ufficiale. Di lì a poco sono stato a Trigoria a consegnare il ritratto a Tony Rudiger e a Francesco Totti. Il resto è venuto da sè ritraendo calciatori di tutto il mondo. Ne ho fatti circa un centinaio. La scorsa estate poi ho avuto l’onore di presentare una mia personale al museo dell’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo. Insomma, da casa di un mio amico arrivare ad uno dei più antichi musei di Russia … è stato un bel viaggio! Poi quest’anno ho iniziato un progetto in qualche modo inverso: personaggi e artisti storici nei panni di calciatori. Van Gogh, Frida, Leonardo con le maglie delle rispettive nazionali. Con tanto di tatuaggi e pose da star del football”.

Tu scrivi: “il calcio è arte”. Che arte è il calcio? E perchè?

“Maradona è stato un pittore surrealista, Crujiff un poeta futurista, Pirlo ha fatto geometrie degne di un Haiku giapponese, Pelé era una sinfonia. Il calcio è lo sport più amato al mondo. Emoziona persone di diversa cultura, età, credo. Universalmente. Solo l’arte riesce a essere così trasversale”.

In che modo il calcio può arrivare ad essere un arte perfetta? Cosa gli manca?
“Non lo so. Il calcio è forse la meno perfetta delle arti. Troppe contraddizioni, troppi soldi. Dovremmo tornare al calcio delle origini. O fino agli anni 30 o 40 quando i calciatori erano sì degli idoli, ma molto più umani”.

Come trovi ispirazione? Pittura, letteratura, musica… Sono tutte cose che rientrano nei tuoi hobby o studi? O gli dedichi appositamente del tempo?

“Mi interesso a tutto quello che posso. Per questa ultima serie mi documento su poeti di alcune nazioni che conosco meno, per provare a tirare fuori qualche dettaglio che sia riconoscibile, qualche curiosità”.

Oltre alla Roma, hai squadre/Nazionali – magari straniere – per le quali hai simpatia?

“Seguo il calcio inglese ma senza una particolare simpatia. Per quanto riguarda le nazionali invece senza ombra di dubbio il Camerun, dai tempi di Milla, per poi passare a Mboma e Eto’o”.

Qual’è secondo te il vero artista del calcio e perchè? Quali caratteristiche deve avere?

“Secondo me il vero artista, un po’ dissoluto e autodistruttivo – come tutti i grandi sono di solito – è Diego Armando Maradona. Puoi odiarlo o amarlo ma non esiste nessuno che ne è rimasto indifferente. E’ stato e resta ancora un’icona assoluta di questo sport. Il gol contro l’Inghilterra resta un capolavoro al pari del “David” o “Guernica”. Irripetibile.
Un altro è stato George Best, “l’arte per l’arte” dicevano dell'”Art Nouveaux”, così lui: il dribbling per il gusto del dribbling”.

C’è’ una creazione che vorresti già aver disegnato, ma sei frenato  dal concretizzarla? Quale invece, tra quelle disegnate, ti ha soddisfatto di più nel produrla e ha trovato tanto apprezzamento?

“Non disegno/dipingo mai come vorrei: è sempre una questione di superare i propri limiti quindi ti direi che quello che voglio riuscire a realizzare è la creazione prossima.
Tra quello che ho fatto sono particolarmente legato alla serie che ho chiamato “Football Propaganda”, nello stile dei poster sovietici degli anni ’60 e ’70. Amo quel tipo di grafiche e penso che funzionino perfettamente con i calciatori”.

Hai in cantiere nuove idee che, magari, potrebbero discostarsi, dal tuo percorso attuale?

“Sì, sto cercando di realizzare un libro illustrato per bambini. Rimando sempre, ma prima o poi riuscirò a realizzarlo. Spero almeno”.

twitter/instagram @pupazzaro
Facebook Pupazzaro’s Art
Vendita stampe: http://www.redbubble.com/people/pupazzaro

Annunci

Lascia un commento al post

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...