Monisha Kaltenborn Narang, la first lady della F1

Monisha-Sauber

Da bambina sognava di fare l’astronauta, ma i piedi di Monisha Kaltenborn Narang sono rimasti ben saldi a terra, sopra l’asfalto delle piste di Formula Uno. E’ l’ottobre del 2012 quando la scuderia svizzera della Sauber la nomina team manager e Chief executive officer (Ceo), assegnandole un incarico che spacca ogni pregiudizio alzato sino allora dal Circus automobilistico perchè mai, prima di allora, una donna era arrivata a ricoprire una carica di vertice come la sua. Monisha la si vede concentrata al muretto dei box con una tuta di rappresentanza bianca, tratti somatici orientali e dolci, che contrastano con un ruolo testosteronico al quale lei ha dato un’altra natura, meno feroce e più sensibile, e non a caso è stata subito soprannominata dai colleghi la “first lady della Formula Uno”. Il padre-padrone del Circus, Bernie Eccelestone, non ha accolto con entusiasmo l’entrata prepotente ai vertici di Monisha, visto che in passato si era lasciato andare a dichiarazioni a dir poco maschiliste: «Il ruolo delle donne è quello di stare in cucina, vestite di bianco come tutti gli altri elettrodomestici». Parole come queste, non causano alcuna reazione in Kaltenborn che ritiene che il sessimo in Formula Uno sia solo di facciata e che mai si è sentita discriminata.
Nata in India il 10 maggio del 1971 a Dehradun, la famiglia Narang si trasferisce a Vienna, quando Monisha ha solo otto anni. L’inserimento nelle scuole è molto duro e il tedesco ostico per lei che fino ad allora ha parlato il dialetto hindustani e l’inglese, ma con determinazione la sua formazione è stata eccellente: una laurea in Legge a Vienna e un master in diritto economico internazionale a Londra, nel 1996. Terminati gli studi, Monisha lavora come consulente legale inizilamente a Stoccarda dove conosce quello che diventerà suo marito, Jens Kaltenborn; poi torna in Austria e infine al servizio di Fritz Kaiser, nel 1998, capo di una potente società di gestione patrimoniale. L’incontro con l’imprenditore comproprietario della Sauber, determinerà la svolta professionale di Monisha alla quale vengono conferiti, all’interno della scuderia, incarichi manageriali fino a presiedere l’ufficio legale nel 2000. Non si ferma l’ascesa dell’avvocatessa che entra nel consiglio di amministrazione della Sauber durante la gestione Bmw. Nel 2010 però, colui che ha fondato l’omonimo team riprende le redini della squadra fino al 2012, anno nel quale Monisha diventa detentrice di un terzo del pacchetto azionario della scuderia e qualche mese più tardi, viene nominata team manager, raccogliendo in eredità il ruolo di Peter Sauber che abbandona, stavolta definitivamente, la gestione diretta della squadra.
Nonostante l’acquisizione della cittadinanza austriaca, Monisha è legatissima alle sue origini indiane, tanto da regalarsi un matrimonio da favola con Jens, ai piedi dell’Himalaya. Madre di due figli, vive a Küsnacht in Svizzera, sulle rive del lago di Zurigo ma il lavoro la porta per lunghe giornate lontana dagli affetti, ai quali rimane legata attraverso Skype. «Organizzare casa, lavoro e famiglia è una vera sfida – ha dichiarato tempo fa al sito “Zig Wheels” – Credo sia importante coinvolgere sempre i figli nella mia attività. A casa, mio marito e le tate sanno sopperire bene alla mia assenza e sono felice che i miei bambini siano orgogliosi del lavoro che fa la loro mamma». In famiglia, la team manager continua a parlare hindi anche se limitatamente ad alcune parole. E’ comunque molto forte l’impronta natale: «Le mie origini indiane mi aiutano anche nel lavoro – ha confessato recentemente – In un ambiente così competitivo come quello della Formula Uno riesco ad essere serena, a scrollarmi di dosso le esperienze negative e concentrarmi solo sul presente», una grande pace interiore, appannaggio della cultura orientale. Pensare che la sua prima passione è stata il rally, prima ancora del tennis, dello yoga e della cucina, i suo hobby preferiti. La sua ascesa rapida in questo duro mondo professionale non le ha creato alcun disagio: «Faccio parte di questo ambiente da così tanto tempo da non sentirmi diversa. Guardo il tutto dal punto di vista di una donna che deve vestire dei panni che hanno indossato un numero di professioniste molto ristretto». Monisha è membro della commissione “Women&Motorsport”: «Con il ruolo che ho – ha spiegato al “Sole24ore” – promuovo la causa di un maggior lavoro per le donne, possibilmente nel mondo degli sport a motore».

La scheda

Nome: Monisha
Cognome da nubile: Narang
Nata a: Dehradun (India)
Il: 10 maggio del 1971
Nazionalità: austriaca
Vive a: Küsnacht (Svizzera)
Famiglia: sposata con Jen Kaltenborn, un figlio nato nel 2002 e una figlia nata nel 2005
Hobby e passioni: rally, tennis, yoga, cucina e opera
Sito: http://www.sauberf1team.com/en/team/management/monisha-kaltenborn/

Annunci

Lascia un commento al post

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...