Otto motivi (poco seri) per cui ricorderemo Brasile 2014


BsfG8HcCEAEI2ed

1 – Orario subdolo. Nella scena iniziale del film “Così è la vita”, il carcerato Aldo dice dal basso del suo letto a castello al compagno di cella, sdraiato sopra un materasso sfondato: “Meno male che domani esci: avrò dormito un’ora in due anni”. Ecco, la stessa cosa è capitata a noi per i Mondiali: tipo che dal 13 giugno, mancano almeno 50 ore di sonno. La partita delle 22 o quella di mezzanotte sono state le più deleterie: alla fin fine non ti addormentavi tardissimo, ma quelle ore perse notte per notte andavano accumulandosi, facendoti arrivare come uno straccio al rush finale.

2 – Le braccia conserte. Cuadrado è stato il peggiore in assoluto. Nella ripetizione della presentazione dei giocatori, lui spiccava perchè piegando le braccia s’infilava le mani sotto le ascelle. Tutti gli altri, invece, se la sono cavata più o meno bene. Ormai è una posa virale. Potrebbe scapparci mentre parli con chiunque.
Gif Colombia

3 – Martins Indi. Ho controllato la foto su Wikipedia: non pare lui. A meno che a questi Mondiali non si sia presentato già “memato”. Di fatto ad ogni partita dell’Olanda c’era una sua espressione indimenticabile.
BsLgnuMIUAAon2q

4 – La pazza Germania. Non li capiamo. Memori di Oddo sbronzo davanti a tutte le telecamere del globo, quelle esultanze teutoniche compassate fanno quasi saltare i nervi. Eppure dentro la squadra la follia impera(va). Neuer ha fatto di tutto e di più, anche il libero alla Beckenbauer per intenderci, e in finale l’uscita omicida contro Higuain ha ricordato quella di Harald Schumacher nell’82 contro Battiston (in realtà, a me ha ricordato il ginocchio alto di Sebastiano Rossi al Milan…). La Germania, dopo oltre trentanni, ha finalmente un portiere folle. E un attaccante che trolla gli avversari: la finta caduta di Muller in uno schema su punizione contro l’Algeria, non ha bisogno di essere commentata. La punta del Bayern è clamorosa: riesce nelle cose impossibili e sbaglia l’improbabile davanti alla porta.
BshFSU8IAAAiZfa

5 – Falli e feriti. Qualche intervento è stato di una violenza commovente: dal morso di Suarez, alle tacchettate sui menischi, i gomiti sugli zigomi, le entrate a gambe tese per fare male senza pudore. Tibia e perone per Onazi, sangue dalla testa per Feghouli. Prendendo a prestito il concetto di un amico, a questo Mondiale si è “marcato di più per coprire di meno”. Si è segnato tanto (il Brasile ha contribuito moltissimo: al passivo, ovvio) ma di spettacolo se n’è visto davvero poco. Inevitabile che sia stata la competizione dei portieri: cattivi, furbi, bravi e bravissimi; bastardi, in lacrime (Julio Cesar), sorprendenti e allucinati (Casillas).

6 – Bambini in lacrime. Il prossimo mestiere di tecnico della regia tv, sarà quello di inquadrare solo belle fighe. Ci sarà proprio una figura preposta solo per questo, ne sono sicura. Eppure, a rimanere impresse, saranno le lacrime dei bambini. Ci siamo passati anche noi col primo Mondiale di cui abbiamo coscienza, una sorta di formazione che l’esistenza te la condiziona, perchè è in questo contesto che, per la prima volta, si sperimenta il dolore gratis di una sconfitta e l’ansia, altrettanto gratis per una vittoria. Entrambe, materialmente, non ti danno niente. E’ questo uno dei baratti più paradossali della vita, il calcio è il primo maestro ad insegnartelo.

7 – L’inutilità dei Ct argentini. Di che pasta fosse fatto Sabella s’era capito quando Lavezzi gli spruzzò l’acqua dalla borraccia, mentre era a bordocampo, così, per cazzeggio, anche se gli stava dando indicazioni in campo. Carisma a tonnellate, insomma. Lo stesso Lavezzi è stato ancora il testimone della mossa assurda del Ct nella finale: sostituito per far posto ad Aguero, quando l’ex Napoli era la classica spina al fianco dei tedeschi. Sabella ha 59 anni ma ne dimostra più di Cesare Maldini, si è reso protagonista di finti svenimenti a gol clamorosamente sbagliati. Contro l’Olanda, si tappava gli occhi con le mani quando i giocatori battevano i rigori decisivi. Spiace dirlo, ma è da Menotti che l’Argentina non ha un Ct meritevole di farsi ricordare.

8 – Cristo si è fermato al 2006. Un anno che è riuscito nel miracolo di rimpiazzare il 1982. Se prima eravamo figli di Bearzot, ora siamo tutte vedove di Grosso e Del Piero. Sky ha fatto rimandi continui all’Italia iridata di otto anni fa, tutto ciò che risale a quell’estate fa morire di nostalgia e pare debba essere preso da esempio ma non si sa su quali basi, visto che il calcio italiano pare essersi fermato lì e lì aver iniziato la fase medievale. Pensare che nel 2006 Tavecchio era già seduto sulla poltrona, idem Macalli. Il fatto è che eravamo felici. Ed avevamo ragione.

Annunci

4 pensieri su “Otto motivi (poco seri) per cui ricorderemo Brasile 2014

  1. Sonno arretrato tanto. Sabella alla fine non ha capito con cosa poteva vincere i Mondiali, ha lasciato fare ai suoi giocatori di fantasia, mai preoccupandosi non dico di avere gioco (con le Nazionali non è semplice), ma anche di capire quali fossero le mosse da fare in campo.

    Tornando semiseri, alla fine penso si assomigli a Clemenza, uno degli scherani di Don Corleone. Un Clemenza un po’ in là con gli anni: un novantasettenne che non si regge in piedi. Il primo ricordo che ho di un mondiale è Italia-Brasile 2-3, seduto su uno sgabello, bambinetto, che impazzisco e urlo al terzo gol di Rossi. E avviso mia madre che era in bagno e si era perso tutto. E poi ricordo il carosello partito immediatamente dopo il fischio finale. Era un tardo pomeriggio.

    Poi a proposito di sonno mi hai fatto tornare indietro al 1986 e alle nottate, ricordo distintamente di essermi perso buona parte di URSS-Belgio, tra le partite più belle. Mio padre mi svegliò che la guardavo dalla terrazza, forse perché c’era un caldo assurdo. Se non mi avesse svegliato avrei dormito lì, dato che gli altri erano andati a letto.

    E confesso: il #teamAbbiocco mi ha preso quando ho scoperto un gol dell’Algeria a fine partita, solo la mattina seguente 🙂

    Mi piace

  2. Io direi che le partite conciliavano abbastanza il sonno, a meno di non sentirsi le telecronache di sky, che ad ogni piè sospinto ti dicevano che stavi vedendo il mondiale più bello della storia, e ti davano quel barlume di speranza che effettivamente vedevi qualcosa di vicino alla genialità di uno Schiaffino. Dato che ho una bimba piccola che ha difficoltà ad addormentarsi, sono state un viatico per lei e per me.

    Io lo ricorderei per il Brasile di giocatori di sumo. Non bastava Maicon oramai in fase calante (e finalmente aggiungerei) come esempio più scintillante di campione carioca prodotto negli ultimi decenni… adesso hanno anche “prodotto” Hulk, che tra l’altro mi dicono giocare in Europa, nella sciampo lig, quella manifestazione per centrometristi con la palla al piede. Dal prossimo mondiale si dice che Dunga li convocherà se e solo se superati gli 80kg e possibilimente coi piedi piatti (alla David Luiz per intenderci), ma che riescano a fare i 100m in meno di 11 secondi. I bimbi in Brasile, dopo le lacrime, per cercare esempi, vanno su youtube a vedersi i video di Mennea e Carl Lewis, poi vanno a giocare a palla. Ma dico io: “possibile che di colpo in bianco non riescano più a regalare al mondo, non dico Garrincha e Rivelino, ma chessoio un Bebeto o uno Junior?

    Be l’Argentina (dirò una banalità) è un pò come un’Italia dei bei tempi. Ha buttato via 3 mondiali di fila, affidandosi a 3 allenatori mirabolanti. In questo sono riuscirsi a superarci, noi negli anni 90 ne abbiamo buttato alle ortiche 2 (90 e 94), loro in questa speciale classifica, con la sostituzione Lavezzi-Aguero, e con Tevez a casa (meglio Palacio claro que si) sono riusciti a far impallidire il mitico cambio Evani al posto di Dino Baggio (Zola e Casiraghi in panchina diligentemente in panchina per il successivo mondiale) e Vialli a spasso sul lungomare di Genova e a superarci. Ognuno ha il suo Sacchi o il suo Vicini.. come dicono a Bolzano: cammafà!

    L’Italia… be nel fastfootball, loro seguono le ricette di Petrini: slowfootball. E’ il solito modo anticonformista ed artistico di andare controcorrente, e regalare al mondo arte. Peccati, sono stati fraintesi. Ma Prandelli, quella storia che noi abbiamo sempre giocato al catenaccio fino al suo arrivo la continua ancora a dire? Forse no, qualcuno gli ha mandato i super8 o i VHS delle partite della nazionale dei mondiali del 1978 (periodo per lui abbastanza panchinaro, riserva perenne di Cabrini).

    Mi piace

  3. condivido ogni singola parola! bellissimo post! avrei aggiunto le facce terrorizzate di marcelo e casillas, dopo le rispettive disfatte. io quelle me le ricorderò a lungo (e con piacere, perché sono un disfattista!)

    Mi piace

Lascia un commento al post

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...