Il figlio di Cerezo, il rossetto e l’emancipazione femminile

Da Leandro a Lea, non c’è di mezzo solo il rossetto. Una volta ricevuto questo tweet sono andata su google a cercare la storia del figlio di Toninho Cerezo, che adesso allena il Vitória, club brasiliano. Non la conoscevo ma non nutro dubbi sulla sua passione per il make up. La figlia dell’ex giocatore di Sampdoria e Roma si è operata dopo anni di travagli interiori, lavora come modella e pare sia stata scritturata addirittura da Givenchy. Nell’arco di questi anni me ne sono sentita dire di tutti i colori, io che difficilmente uso il rossetto ma se lo faccio uso tonalità abbastanza forti. Il non capire nulla di sport perchè donna, è stato una costante, mi accompagna tutt’ora, sono sicura che lo farà per tutta la vita. Questa affermazione sotto forma di tweet però mi mancava e siccome ho una coscienza che m’impone di riflettere su tutto, sono riuscita a ricavare il collegamento tra calcio, donne e rossetti.
Ho scoperto che colorarsi le labbra è stata una delle prime forme di emancipazione femminile: “è stato il simbolo delle suffragette che lo hanno eletto emblema della lotta per l’indipendenza a difesa della propria femminilità – si legge su un blog del Corriere.it – (…) Quando nel 1920 finalmente venne approvato il 19° Emendamento, le donne americane ottennero il diritto di voto e il rossetto rosso acquisì lo status di simbolo del potere. (…) Durante i combattimenti della Seconda Guerra Mondiale, migliaia di donne ebbero un ruolo attivo e, in loro onore,  Miss Arden creò innumerevoli tonalità di rosso da abbinare alle diverse uniformi militari. (…) Questa fu la dimostrazione che le donne potevano essere femminili e forti allo stesso tempo”.
Nel quasi 2013, è ancora una forma di emancipazione, per una donna, seguire il calcio per farsene una cultura o addirittura un lavoro. Personalmente, sia sul pallone che sui rossetti, credo di avere ancora ampi margini di miglioramento. Mi rimane tuttavia un quesito: il figlio diventato poi donna di Cerezo si sarà mai appassionato al calcio?

Annunci

Un pensiero su “Il figlio di Cerezo, il rossetto e l’emancipazione femminile

Lascia un commento al post

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...